Whey

Tabella dei Contenuti

Derivate dalla produzione di formaggio e altri prodotti lattiero-caseari, le proteine del siero del latte sono un alimento complementare ampiamente utilizzato dalle industrie alimentari e farmaceutiche per il valore nutritivo che le caratterizza. Nel 2013, la produzione americana di whey proteins ha superato 1,2 milioni di tonnellate, e negli ultimi anni questo trend è in continuo aumento. Questo fatto è principalmente spiegato dall’ampia diffusione delle proteine per i benefici legati al settore sportivo, come il miglioramento della forza e della resistenza, l’aumento della massa magra e la perdita di massa grassa. Ciononostante, non sono da sottovalutare i risultati positivi che si stanno ottenendo anche in altre categorie di persone, riguardanti il miglioramento della salute fisiologica dell’organismo.

Cosa sono le proteine del siero del latte?

Le proteine del siero del latte sono proteine presenti nella parte liquida del latte, chiamata siero, che si ottiene grazie alla coagulazione della caseina. Nel processo di caseificazione infatti l’aggiunta del caglio al latte permette la separazione delle due fasi, dando quindi la possibilità di distinzione tra le caseine e le proteine del siero. Quest’ultime vengono comunemente chiamate whey proteins e le principali sono le beta-lattoglobuline, le alfa-lattoalbumine, le siero albumine (BSA), la lattoferrina, il lisozima e le immunoglobuline. Costituiscono circa il 10% dei componenti del siero, insieme a calcio, minerali, vitamine, lattosio, grassi ed elementi bioattivi.

Integrazione sportiva

È la pratica sportiva il principale ambiente nel quale le whey stanno ottenendo i migliori risultati, sia in termini di effettivi benefici sia in termini di vendite. I principali integratori presenti in commercio sono:

Le proteine del siero del latte sono usate come integratore da molti atleti per favorire l’aumento di massa magra. Si sa per certo infatti che l’assunzione di proteine ​​è essenziale per stimolare al massimo la sintesi proteica muscolare. La supplementazione con proteine del siero, se associata ad una corretta attività fisica, si è visto essere correlata ad un’ipertrofia delle fibre muscolari. Le whey presentano delle caratteristiche peculiari che gli permettono di essere delle importanti, se non le principali, alleate per la costruzione muscolare e la prevenzione nella perdita di tonicità.

Infatti, l’alta concentrazione di aminoacidi ramificati, in particolar modo di leucina, gioca un ruolo fondamentale nella sintesi proteica muscolare, attraverso meccanismi di segnalazione anabolica. Inoltre, il cospicuo contenuto di fattori di crescita e ormoni proteici favorisce le vie anaboliche del metabolismo umano e il rapido recupero post-esercizio e l’elevato potere insulinogenico determina un rapido aumento del rilascio di insulina, un ormone che favorisce l’assorbimento aminoacidico da parte delle cellule muscolari.

Benefici delle proteine whey

Le proteine whey devono la loro fama all’ambiente sportivo, all’interno del quale si sono ormai da anni ampiamente affermate come uno dei principali integratori conosciuti da tutti gli atleti. Negli studi clinici più recenti, però, si stanno imponendo come alleate anche in ambito ambulatoriale e medico. Infatti, il siero del latte, ed in particolar modo le proteine in esso contenute, viene considerato un alimento “funzionale” grazie alla serie di benefici che può apportare alla salute dell’organismo umano. Le componenti biologiche del siero, tra cui lattoferrina, beta-lattoglobulina, alfa-lattoalbumina e immunoglobuline, presentano numerose proprietà in grado di andare a potenziare il sistema immunitario e migliorare la corretta fisiologia degli organi. Sono agenti antiossidanti, antitumorali, antivirali, antibatterici e possono regolare il profilo lipidico e pressorio.

Il meccanismo principale mediante il quale si ritiene che il siero del latte eserciti i suoi effetti è la conversione nelle cellule dell’amminoacido cisteina in glutatione, un potente antiossidante intracellulare. Numerosi studi clinici sono stati condotti con successo utilizzando il siero di latte nel trattamento farmaceutico del cancro, dell’HIV, dell’epatite B, delle malattie cardiovascolari e dell’osteoporosi. Ovviamente, gli obiettivi di benessere fisiologico dell’organismo non possono essere raggiunti solamente con l’utilizzo di un semplice integratore. Esso può essere considerato come un aiutante nel corretto stile di vita che il paziente deve seguire.

Nel momento in cui si valuta un’integrazione, è bene considerare anche i possibili effetti avversi causati generalmente da un uso-abuso indiscriminato e cronico di supplementazioni. I pochi studi che indagano sul potenziale effetto negativo delle whey rivelano che un uso incontrollato e senza guida professionale delle proteine del siero del latte può avere ripercussioni sulla funzionalità epatica e renale, sulla corretta motilità gastrointestinale e sullo sviluppo di acne. In genere infatti si deve consigliare l’uso di integrazione solamente con un controllo da parte di una persona esperta e in quantità sufficienti ad ottenere dei benefici, senza incappare in possibili effetti negativi.

Quando assumerle?

Le persone spesso si chiedono quando sia il momento migliore per assumere le loro proteine in polvere ed ovviamente la risposta dipende dagli obiettivi di salute e fitness che si vogliono raggiungere.

La nostra selezione

4.6/5
foodspring®

Scopri queste Whey Protein certificate NZMP, con una selezione di oltre 10 gusti! In 100 g di prodotti troviamo ben 76.2 g di proteine. Ideali per sport di resistenza e pesistica.

4.8/5
bulk™

Un nome una garanzia! Un prodotto con oltre 5.000 recensioni. Affidati alle Pure Whey Protein e scegli tra più di 20 gusti. Ogni misurino contiene 22 g di proteine dal siero del latte.

4.6/5
Myprotein

Altro storico prodotto a base di whey protein. Scopri il tuo gusto preferito tra una vastissima selezione di oltre 40 aromi. Ogni misuro ha 21 grammi di proteine dal siero del latte.

Gloria Graifembergh

Autore

Laureata in Scienze Biologiche all’Università di Milano-Bicocca e studentessa magistrale di Biologia applicata alle scienze della Nutrizione presso l’Università degli studi di Milano

  • Marshall K. “Therapeutic applications of whey protein”, Alternative Medicine Review. 2004; 9(2): 136-56.
  • Davies RW., Carson BP., Jakeman PM., “The Effect of Whey Protein Supplementation on the Temporal Recovery of Muscle Function Following Resistance Training: A Systematic Review and Meta-Analysis”, Nutrients. 2018; 10 (2): 221. DOI: 10.3390/nu10020221.
  • Hamarsland H., Nordengen AL., et al., “Native whey protein with high levels of leucine results in similar post-exercise muscular anabolic responses as regular whey protein: a randomized controlled trial”, Journal of International Society of Sports Nutrition. 2017; 14: 43. DOI: 10.1186/s12970-017-0202-y.
  • Vasconcelos Q., Bachur T., Aragao, G. F., “Whey protein supplementation and its potentially adverse effects on health: a systematic review”, Applied physiology, nutrition, and metabolism, 2020.
  • Gilmartin S., O’Brien N., Giblin L., “Whey for Sarcopenia; Can Whey Peptides, Hydrolysates or Proteins Play a Beneficial Role?”. Foods (Basel, Switzerland), 9(6), 750.
SportGang
Logo