La leggenda sportiva di Milone di Crotone

Statua di Milone di Crotone che sta per lanciare un disco.

Milione di Crotone è stato uno dei più grandi e famosi atleti dell’antica Grecia. Nel corso della propria carriera sportiva è riuscito ad accumulare un numero impressionante di vittorie in differenti giochi dell’epoca, a tal punto da consacrare se stesso e il proprio nome a leggenda.

A testimonianza di quanto appena detto, nel corso dei secoli a venire, troviamo un consistente numero di opere a lui dedicate: statue, dipinti, affreschi e perfino opere letterarie.
Una statua di Milone è presente alla stadio dei Marmi di Roma, un impianto sportivo dedicato principalmente all’atletica leggera.

In memoria del suo nome, è stato creato un torneo internazionale di lotta greco romana: il Trofeo Milone, che a oggi viene ancora praticato.

Ma da cosa nasce la leggenda?

La storia di Milone di Crotone

La leggenda narra che Milone di Crotone fosse un semplice ragazzo dell’antica Grecia: uno come tanti altri. Un giorno decise di cominciare ad allenarsi, per aumentare la propria forza.
Non essendo ancora stati creati protocolli di allenamento come il superset o il tabata e non avendo strumenti a propria disposizione, decise di arrangiarsi con ciò che aveva a disposizione.

Cominciò a caricare un giovane vitello sulle proprie spalle e giorno dopo giorno, con costanza, continuò con gli allenamenti.
Più giorni passavano e nel mentre, il vitello aumentava di peso e cresceva assieme a Milone stesso.
La leggenda vuole che dopo un lungo periodo di allenamento il giovane vitello fosse diventato un toro robusto e che Milone, grazie alla propria costanza, fosse in grado di sollevarlo.

Dalle testimonianze dell’epoca si narra che Milone fosse alto 2 metri e che avesse una forza sovrumana.
Per mantenere la propria muscolatura, non avendo a disposizione integratori come BCAA o cretina, si dice che mangiasse spesso interi vitelli in un pasto solo.

Nel 540 a.C. partecipò alla sua prima Olimpiade, conquistando la vittoria.
Da quell’anno instaurò la propria supremazia nei giochi Olimpici, vincendo 7 edizioni di seguito, dal 540 a.C. fino al 512 a.C.

In quegli anni, non solo dominò le Olimpiadi ma estese il proprio dominio vincente anche con i Giochi Istmici, i Giochi Pitici e con i Giochi Nemei.

I Giochi Pitici, erano tra i principali giochi dell’epoca e venivano disputati a Delfi, ogni 4 anni, nel tempio di Apollo. In questi giochi Milone conquistò 10 volte il titolo di campione.
I Giochi Istmici, invece, si svolgevano a Corinto ed erano in onore di Poseidone e del Dio Palemone. Anche in questi giochi, Milone mise in mostra la propria supremazia vincendo 6 edizioni.

I Giochi Nemei, si svolgevano ogni 2 anni nella città di Nemea (in seguito trasferiti ad Argo) e videro Milone trionfare per ben 9 volte.

L’epilogo

La vita di Milone fu esemplare anche lontano dai campi da gioco e dalle competizioni dell’epoca: fu un ottimo guerriero e uomo di vita pubblica.

La leggenda narra che in un giorno indefinito della propria vita, Milone di Crotone stesse passeggiando in un bosco. Interessato da un tronco di un albero, infilò la mano nella cavità del tronco, rimanendo incastrato.
Mentre tentava di liberarsi, un branco di lupi lo sorpreso alle spalle sbranandolo e mettendo fine alla vita del più grande sportivo dell’antica Grecia.